Obiettivo Emirati Arabi Uniti. Dubai punto di partenza per il mercato mediorientale, focus dei commercialisti di Bergamo.

Emirati Arabi Uniti: focus dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Bergamo. La scheda Paese che ho redatto con i colleghi sarà, infatti, fruibile gratuitamente già dal 20 luglio sul sito dell’Ordine.

L’obiettivo della nostra scheda è dare a colleghi ed agli imprenditori le basi per poter approcciare il mercato. Esamina aspetti chiave del mercato emiratino.
Un’infarinatura dalla quale non si può prescindere se si deve far consulenza su questo Paese. O se sei un imprenditore a cui è venuto in mente che Dubai sarebbe un bel posto dove esportare o aprire una sede secondaria.

DUBAI SPESSO è VISTA COME PUNTO DI ARRIVO. In realtà il tema è proprio questo: Dubai è senz’altro il punto di arrivo per certi settori, ma per moltissimi altri, la maggior parte, deve essere considerato un punto di partenza per il mercato mediorientale. L’obiettivo Emirati Arabi Uniti va ripensato e affrontato sotto una prospettiva più ampia.

Gli Emirati Arabi Uniti sono la porta d’ingresso per il mercato sub-sahariano e il mercato indiano, da un punto di vista logistico e commerciale ormai da tempo. Si dice ormai abitualmente tra gli addetti ai lavori che ‘passa tutto da Dubai’. Non bisogna, quindi, sottovalutare le opportunità di business che si aprono in questa direzione. Le opportunità si moltiplicano se si cambia la prospettiva.

Durante un processo di internazionalizzazione temi quali l’introduzione dell’IVA avvenuta il 01 gennaio 2018, l’adesione alla Convenzione multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa (c.d. “Maat”) del 21 aprile 2017 che ha dato il via allo scambio di informazioni fiscali, il regime C.F.C (società controllate estere) contenuta nel nostro ordinamento fiscale, alla luce dei cambiamenti intervenuti negli ultimi 3 anni, vanno affrontati. I risvolti fiscali che le nostre imprese incontrano sulla strada di un organico processo di internazionalizzazione spesso passano in secondo piano, in realtà sono determinanti.
Non dimentichiamoci, poi, che esiste la finanza islamica. Ci sono strumenti finanziari che affiancano quelli tradizionali, che potrebbero facilitare operazioni di penetrazione del mercato.

Non dimentichiamoci che la religione permea il diritto, gli usi i costumi e il modo di fare business.

Non ho dubbi nell’affermare che senz’altro LA CHIAVE DEL SUCCESSO NEGLI EMIRATI ARABI UNITI è conoscere in modo profondo il mercato prima approcciarlo. E in questo l’affiancamento di un professionista esperto può certamente fare la differenza.

Laura Diana
Strategic Advisor
dottore commercialista ODCEC di BERGAMO
membro Commissione Fiscalità e Diritto Internazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *